Navigli scomparsi e "ritrovati" | manoxmano Milano
Navigli scomparsi e “ritrovati”
navigli scomparsi ritrovati

navigli scomparsi ritrovati

Faticosamente costruiti da un secolo all’altro, poi ricoperti negli anni ’20 e ’30 e, alla fine, riconsiderati per una possibile riapertura: da Expo 2015 si continua a sognare una Milano navigabile, e forse il sogno sta per diventare realtà…

Folle? Inopportuno? Ambizioso? Utopistico? Possiamo pensarla come vogliamo, con un cieco entusiasmo o con una punta di cinismo, ma a quanto pare il Comune e la Regione collaboreranno insieme per una possibile riapertura dei Navigli, a neanche un secolo dalla loro chiusura (avvenuta negli anni ’30). Un primo progetto, che prevede quattro tratte collegabili con la periferia attraverso la Martesana, sembra già esserci… e, evidentemente, c’è anche l’intenzione.

conca dell'incoronata

È dall’inaugurazione della Nuova Darsena, in occasione di Expo 2015, che il progetto di riapertura dei Navigli non sembra poi così “campato per aria”: certo, in passato i canali vennero chiusi per motivi ben specifici (legati soprattutto a questioni igieniche), ma i tempi sono cambiati e, forse, anche Milano e i suoi cittadini stanno maturando un maggiore senso civico, che permetterebbe di mantenere attivo un progetto di tale portata.

nuova darsena

Sta di fatto che, grazie alla Darsena, i Navigli continuano ad attirare sia milanesi che turisti: ritrovare i Navigli, quindi, aiuterebbe anche a ritrovare una Milano che ben pochi ricordano, ma che possiamo tuttora ammirare grazie a fotografie scattate tra il XIX e il XX secolo. E, forse, in un futuro non troppo lontano, potremo tornare ad ammirare questi stessi scorci.

navigli 1

navigli 4

navigli 2

navigli 3

In fondo i Navigli fanno parte del paesaggio e della geografia di Milano dal lontanissimo 1179 (quando si diede inizio alla costruzione di quello che oggi viene chiamato il Naviglio Grande, in un’epoca dominata dalla minaccia di Federico Barbarossa), e deve essere stato insolito per i cittadini del 1930 ritrovarsi una città così radicalmente cambiata: dove prima c’era acqua, ora invece c’è un anello di strade che dei Navigli porta solo il nome, la Cerchia dei Navigli… almeno per adesso.

navigli copertura

navigli passato fatebenefratelli

navigli passato via senato

navigli passato ponte delle gabelle

In attesa di ulteriori sviluppi (vi terremo aggiornati, anche tramite la nostra pagina facebook!), noi di manoxmano vi consigliamo come trascorrere una piacevole giornata in zona Navigli, a piedi o in bici, accompagnandovi lungo i cosiddetti “Navigli scomparsi“, alla scoperta di una Milano del passato che, però, sarà anche la Milano del futuro.

Milano, 10 aprile 2017
ULTIMI ARTICOLI DI MANOXMANO:

A caccia di “mare” e di spiagge urbane a Milano

| Blog | No Comments

Amiamo Milano, ma ha proprio un difetto per cui non c’è molto da fare: non ha il mare. Eppure, nonostante…

Lombardia: 3 passeggiate lungo il lago

| Blog | No Comments

Dopo mesi di lockdown, siamo ancora più sensibili al bel paesaggio: una camminata in mezzo alla natura, magari lungo un…

via della signora

Chi è la signora di Via della Signora?

| Blog | No Comments

Bazzicando in zona Statale potremmo passare per Via della Signora, una strada che non ha nulla di particolarmente misterioso, a…

boschi incantati lombardia

In Lombardia con i bambini per boschi incantati

| Blog | No Comments

Dopo così tanti mesi chiusi in casa, è normale voler immergersi nella natura e camminare in mezzo al verde, magari…

Autore: Vanessa Maran

Web Content Editor – Graphic DesignerVedi profilo >