Le Stazioni Intorno: cosa vedere vicino a Stazione Centrale
Le Stazioni Intorno: cosa vedere vicino a Stazione Centrale
Le Stazioni Intorno - Stazione Centrale

Le Stazioni Intorno - Stazione Centrale - logo

Le stazioni ferroviarie sono luoghi di passaggio, ma anche di attese più o meno lunghe, prima di proseguire il viaggio o di ritornare a casa.

Cosa fare, durante queste attese? A questa domanda risponderemo con la nuova rubrica Le Stazioni Intorno, piccole guide che vi consiglieranno cosa fare, cosa vedere e cosa mangiare nei dintorni della vostra stazione milanese di partenza. Del resto perché limitarsi ad aspettare, quando si può esplorare?

Oggi vi accompagniamo nei dintorni della stazione più d’impatto di Milano: la Stazione Centrale!

Le Stazioni Intorno - Stazione Centrale

Ancora oggi la Stazione Centrale di Milano ci appare come un edificio imponente, ricco di sculture e decorazioni come cavalli alati, segni zodiacali, fregi e statue, nate dal connubio tra Art Deco, Liberty e la monumentalità tanto amata dall’architettura fascista: la costruzione della stazione, infatti, cominciò nel 1924, due anni dopo la Marcia su Roma e l’ascesa al governo di Mussolini. Basterebbe esplorare questa stazione per ingannare l’attesa prima del treno ma, in caso vi capiti di perdere una coincidenza o comunque di dover aspettare un bel po’ di tempo prima di lasciare Milano, vi lasciamo qualche spunto per far volare il tempo! (attenzione a non perdere il treno, però ;))

Cosa vedere

LA MELA REINTEGRATA
Uscendo in Piazza Duca d’Aosta e dando le spalle alla stazione, vedrete proprio di fronte a voi una mela gigante, “ricucita” da un lato. Si tratta di un’opera di Michelangelo Pistoletto, esponente della cosiddetta Arte Povera. La scultura inaugurò in Piazza Duomo l’EXPO del 2015, per poi essere spostata qui in modo permanente. Non a molti piace, in realtà, ma magari qualcuno di voi la penserà diversamente guardandola!

GRATTACIELO PIRELLI
Continuando a guardare in direzione della Mela di Pistoletto, avvisterete uno dei grattacieli simbolo di Milano: il cosiddetto “Pirellone“, costruito su progetto dell’architetto Gio Ponti. Inaugurato nel 1960, rimane ancora oggi uno degli edifici più alti di Milano. Particolare curioso: il grattacielo ospita nel suo sottotetto una coppia di falchi pellegrini che, ogni primavera, decide di fare proprio qui il suo nido! Si possono anche “spiare” attraverso una webcam sul sito della Regione Lombardia.

grattacielo pirelli

PALAZZO LOMBARDIA
Un po’ lontanuccio, Palazzo Lombardia è oggi la sede della giunta regionale. Se capitate a Milano in una domenica fortunata, potrete salire al belvedere del 39° piano e godervi la città da un punto di vista unico!
Controllate sul sito della Regione Lombardia le domeniche in cui il piano è accessibile al pubblico.

CASCINA POZZOBONELLI
A due passi dalla stazione, in direzione della fermata metropolitana di Caiazzo, si trova quello che rimane della quattrocentesca Cascina Pozzobenelli, in origine villa di villeggiatura dell’omonima famiglia. Dopo secoli di abbattimenti parziali, oggi della cascina è rimasta una cappella e una parte del portico che la collegava all’edificio principale, demolito per far spazio a Viale Doria e alla Stazione Centrale. Vedere un edificio del Rinascimento circondato da edifici contemporanei fa un certo effetto ed è un peccato che una cancellata impedisca di esplorarla approfonditamente.

SANTUARIO DI SAN CAMILLO DE LELLIS
Procedendo in direzione Porta Venezia, lungo Via Torriani, ci si imbatte sulla sinistra in un edificio religioso in stile neogotico, capace di catturare anche lo sguardo del passante disattento: si tratta del Santuario di San Camillo De Lellis, dedicato al Padre che ne porta il nome e ai suoi religiosi, che arrivarono per la prima volta a Milano alla fine del Cinquecento per soccorrere gli infermi.

CASA TORNIAMENTI
Avvicinandosi sempre di più a Corso Buenos Aires, in Via Petrella 14 si può ammirare una delle prime case liberty di Milano: Casa Torniamenti, completata nel 1899 su progetto dell’architetto Alfredo Campanini. La facciata dell’edificio è caratterizzata dalle classiche decorazioni di questo stile architettonico, formate da motivi sia geometrici che floreali.

LA LIBRERIA DEI RAGAZZI
Vicino a Casa Torniamenti si trova una libreria specializzata in letteratura per bambini e ragazzi che, oltre a vedere libri, organizza laboratori ed eventi per i più piccoli (ma anche per i più grandi). Se volete fare ai vostri figli un regalo tutto da sfogliare, il personale della Libreria dei Ragazzi saprà consigliarti al meglio!

CORSO BUENOS AIRES
Se avete veramente tanto tempo a disposizione prima di prendere il treno e lasciare Milano, potete raggiungere una delle zone di Milano dedicate allo shopping: Corso Buenos Aires.

Dove mangiare

RISTORANTE SHU
In Via Tonale, proprio di fianco alla stazione, c’è un ristorante cinese particolare, che va oltre i classici riso alla cantonese, pollo alle mandorle, ravioli e involtini. Ristorante Shu infatti è il luogo perfetto dove mangiare in compagnia in una hot pot, ossia una grande pentola piena di zuppa dove poter cuocere al momento carne, verdure, funghi e altri cibi.

CRAZY CAT CAFÈ
Un brunch, un pranzo e un aperitivo in compagnia di simpatici gatti giocherelloni: è l’esperienza che offre il Crazy Cat Café, un locale che offre non solo un’ottima merenda ma anche la compagnia di un gruppo di allegri felini. Insomma, è uno dei nostri posti preferiti a Milano frequentati da gatti!

GELATO GIUSTO
Se avete passeggiato fino a Corso Buenos Aires e avete voglia di un gelato buono, ma veramente buono, allora vi consigliamo Gelato Giusto in Via S. Gregorio: troverete non solo uno dei pistacchio più buoni di Milano, ma anche tanti gusti stagionali, dai più classici ad altri decisamente originali, tra i quali non saprete quale scegliere!

Autore: Vanessa Maran

Web Content Editor – Graphic DesignerVedi profilo >

Se il nostro articolo ti ha incuriosito o hai bisogno di altre informazioni, lasciaci un commento qui.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.