La storia dei fenicotteri di Milano | manoxmano Milano
La storia dei fenicotteri di Milano
storia dei fenicotteri di milano

storia dei fenicotteri di milano

In zona Porta Venezia possiamo sbirciare nel giardino di Villa Invernizzi un gruppetto di fenicotteri rosa che si fanno gli affari loro, come se fosse normale vedere degli animali esotici nel cuore di Milano. Da dove arrivano questi fenicotteri, e qual è la loro storia? Per scoprilo, dobbiamo tornare indietro nel tempo…

… fino al 1906.
Quell’anno nacque Romeo Invernizzi, che negli anni successivi divenne, da mungitore di mucche, ad imprenditore: grazie a lui, la latteria di famiglia divenne la seconda azienda italiana di formaggi. Dall’agenzia pubblicitaria che fondò all’interno della sua attività uscirono prodotti e personaggi super noti, come il Formaggino Mio e Susanna Tutta Panna.

susanna tutta panna

Oltre ad essere un grande imprenditore, Romeo Invernizzi aveva una grande passione: gli animali e la natura. Amava vivere lontano dalla città, in mezzo a centinaia di ettari di terra, ma sua moglie Enrica invece adorava Milano. Soltanto il trasferimento di dodici fenicotteri dal Sud America convinse l’uomo a prendere casa in Corso Venezia (qualcosa che, con le leggi di oggi, non si potrebbe nemmeno fare… in caso vogliate imitarlo!).

Dagli anni Settanta questa piccola colonia di volatili rosa abita il giardino di Villa Invernizzi, generazione dopo generazione, anche dopo la morte del loro padrone (avvenuta nel 2004). Fanno sicuramente la bella vita e vengono nutriti a dovere, ma c’è un altro motivo per cui non volano via: la lunghezza delle loro penne viene regolata appositamente.
Purtroppo non è possibile entrare nel giardino della villa, essendo proprietà privata, ma possiamo sbirciare attraverso la cancellata e, cellulare alla mano, provare a rubare uno scatto o due…

fenicotteri invernizzi

Autore: Vanessa Maran

Web Content Editor – Graphic DesignerVedi profilo >

Se il nostro articolo ti ha incuriosito o hai bisogno di altre informazioni, lasciaci un commento qui.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.