Riqualificazione degli ex scali ferroviari: ecco la nuova Milano!
ex scali

Milano è una città in continua evoluzione, ma molto spesso il cambiamento sembra arrivare troppo lentamente – che sia per impedimenti burocratici o per altri motivi – e così ci si ritrova con zone della città dismesse, che inevitabilmente finiscono nel degrado.

ex scali

Questo è il destino che per anni è toccato ai sette scali ferroviari di Milano: Farini, Greco, Lambrate, Porta Romana, Rogoredo, Porta Genova e San Cristoforo erano un tempo degli elementi fondamentali per il funzionamento economico e sociale della città, ma al giorno d’oggi costituiscono degli elementi di discontinuità nel tessuto urbano, che occupano più di un milione di chilometri quadrati.

Per questo motivo, a partire dal 2005, il Comune di Milano, Ferrovie dello Stato Italiane e Regione Lombardia hanno iniziato a definire gli obiettivi e il percorso per la trasformazione urbanistica degli scali dismessi connessa al potenziamento del sistema ferroviario milanese.

Il progetto si è finalmente concretizzato in questi ultimi due mesi, quando Il Consiglio comunale ha infatti deliberato in favore dell’approvazione dell’accordo di programma che prevede la riqualificazione di queste zone, che diventeranno nuovi quartieri, oasi naturali, parchi e nuovi centri culturali. Ovviamente si tratta di un progetto ad ampio respiro, che verrà realizzato nel corso dei prossimi anni, ma possiamo dire finalmente che da qui al 2030, grazie al progetto del Comune “Fare Milano”, vedremo nascere nuove realtà di Milano, che andranno a costituire un continuum tra la città e la periferia.

Ma vediamo nello specifico quali saranno le facce del futuro degli ex scali

ex scali

🌳 Farini

Diventerà il terzo parco urbano più grande di Milano

🏞️ San Cristoforo

Diventerà un’oasi naturalistica di 140 mila mq

👜 Porta Genova

Lascerà spazio a un distretto della moda e del design

🌾 Porta Romana

Sarà un centro di agricoltura e innovazione

🏘️ Rogoredo

Sarà destinato ad alloggi a canone sociale e di edilizia convenzionata

🎓 Greco e Lambrate

Vedranno attività connesse al mondo universitario, compresi degli alloggi per studenti.

Come forse avete notato, ogni scalo avrà una diversa destinazione a seconda della sua collocazione specifica in città, garantendone la “coerenza” con il tessuto urbano.

E la ferrovia?

ex scali

I sette nuovi quartieri di Milano saranno collegati dalla Circle line (un nome molto internazionale, che ricorda la sua linea sorella londinese!), una linea ferroviaria leggera con scambio sulla M4.

La novità sta però nel fatto che le linee ferroviarie non saranno più un elemento di divisione tra i quartieri perché saranno create connessioni ecologiche lungo i binari ferroviari, che diventeranno delle oasi urbane connesse dalle fasce di rispetto dei binari in attività.


Sicuramente quello degli ex scali è un progetto ambizioso che prevede di cambiare il volto della città dei prossimi anni, di cui noi personalmente siamo entusiasti! E voi avete voglia di vedere la Milano del 2030, con i nuovi quartieri della città?

Valentina Ottoboni
Milano, 24 luglio 2017
ULTIMI ARTICOLI DI MANOXMANO:
ISCRIVITI!

Vuoi stare al passo con tutte le news e le curiosità su Milano? Iscriviti alla newsletter per non perderne neanche una!

ALTRI ARTICOLI tutti_articoli
Leggi tutti gli articoli del blog di manoxmano!

EVENTI A MILANO tutti_eventi
Scopri tutti gli eventi a Milano selezionati da manoxmano!

APP MANOXMANO app_mxm
Vuoi vivere Milano come non l’hai mai vissuta? Scarica le app di manoxmano!

TUTTI I PERCORSI tutti_percorsi
Scopri tutti i percorsi a Milano suggeriti da manoxmano!