manoxmano intervista i Milano Storytelling Awards: NoLo Social District
nolo social district

nolo social district

La seconda “tappa” del nostro tour di interviste ai vincitori dei Milano Storytelling Awards ci fa scoprire NoLo Social District, la migliore social street di Milano, attraverso le parole del suo ideatore e fondatore Daniele Dodaro.

Proporre un nuovo modello abitativo basato sulla solidarietà, la collaborazione e il rispetto, in cui i vicini di casa possano essere molto più di semplici persone che si incontrano sul pianerottolo, ma una vera e proprio rete di salvataggio. Sembra un’utopia, ma si tratta della realtà: per la precisione, delle realtà che si chiamano social street e che ormai hanno invaso Milano.

Ma cosa sono le social street?

Le social street sono delle comunità che nascono online, ma che poi si realizzano nella vita di tutti i giorni, in cui persone che abitano nella stessa zona si prodigano per aiutarsi l’un l’altro, nello spirito del buon vicinato.

Nel giro di pochissimi anni le social street a Milano si sono moltiplicate, tanto che a oggi ne contiamo addirittura 76; per questo motivo, all’inizio del 2017, lo stesso Comune ha deciso “ufficializzare” la loro esistenza creando l’Albo delle social street, con l’intento di usarle come fonte di segnalazioni e idee per una partecipazione attiva.

Tra le social street milanesi c’è anche NoLo Social District, che sabato 11 novembre ai Milano Storytelling Awards è stata incoronata miglior social street della città, vincendo un’agguerrita concorrenza.

Per chi se lo stesse chiedendo, NoLo è un acronimo molto glam (non a caso fa venire in mente Soho e Noho, due delle zone più di tendenza di New York) che sta per North of Loreto, e che va a designare una porzione della città non molto ampia che troviamo a Nord di Piazzale Loreto.

I CONFINI DI NOLO SOCIAL DISTRICT
🔸 Nord: la ferrovia a sud di Turro
🔸 Est: via Leoncavallo
🔸 Sud: viale Brianza
🔸 Ovest: via Aporti

Per conoscere meglio questa social street allargata che col tempo è diventata uno dei promotori del risveglio sociale e culturale di questa zona di Milano, abbiamo fatto cinque domande al suo fondatore Daniele Dodaro.

Daniele, com’è nata e cos’è NoLo Social District?

È una social street, un gruppo online riservato ai vicini di casa, allargata però a un intero quartiere: quel quartiere posto nell’immediato Nord di Loreto, e incastonato tra Centrale, Greco, Turro e Casoretto, che da pochi anni ha preso il nome di NoLo. È nata a gennaio del 2016 e oggi conta più di 4200 vicini di casa reali che si scambiano informazioni, si aiutano, e si incontrano grazie a eventi come colazioni di quartiere su strada e nei parchetti, gruppo di lettura, gruppo di lana, gruppo di corsa, gruppo di gattari che si scambiano consigli e ore di cat sitting, gruppo di conversazione in inglese, francese e russo e tante altre iniziative che consentono alle persone di fare insieme ciò che prima non facevano o facevano da soli. E ora stiamo creando una radio di quartiere.

nolo

Pensi che il vostro progetto stia aiutando Milano e i milanesi? In che modo?

Sì penso di sì. Le social street aiutano i quartieri a recuperare quella socialità e quella coesione sociale che nelle grandi città è spesso perduta. Costruiscono reti amicali che poi sono il motore che dà vita a tante altre iniziative: di intrattenimento (penso al Festival musicale Sannolo e alla radio), di solidarietà (donazioni all’HUB, supporto alle associazioni sul territorio) e iniziative sul territorio (colazioni in strada, pulizie dei parchetti, innaffiamento estivo delle piante prive di irrigazione, il GiraNoLo: tour storico alla scoperta quartiere organizzato dagli abitanti ecc.) che non sono un modo per presidiare lo spazio pubblico, non siamo sentinelle, ma per riprenderselo e prendersene cura.

Parliamo un po’ di Milano e mettiamo in moto la fantasia: se NoLo Social District fosse un posto, un luogo o un monumento della nostra città, quale sarebbe e perché?

Se NoLo Social District fosse un luogo sarebbe uno spazio sociale orizzontale dove le persone si conoscono (l’esatto opposto del caotico piazzale Loreto). Potrebbe essere un Mercato Comunale come quello di Monza/Crespi, un parco come il Trotter o una piazza “di paese” come Piazza Morbegno.

nolo

Siete stati premiati ai Milano Storytelling Awards come una delle realtà che meglio raccontano Milano: secondo te quali altre realtà di Milano, escludendo quelle già nominate quest’anno, contribuiscono a raccontare la città?

Secondo me Il Deboscio, MYSS KETA e I Hate Milano raccontano benissimo e con sano cinismo una certa Milano. Poi ci affiancherei anche Onalim e Il Festival delle periferie come contraltare positivo di una Milano che, a volte, ribalta lo stereotipo di città frenetica tutta fashion, finanza e file fuori. E poi, anche se sono di parte, citerei Squadrati, perché con i nostri quadrati semiotici abbiamo spesso raccontato Milano nelle sue contrarietà e contraddizioni.

Parliamo di futuro e di aspettative: come vedi il vostro progetto tra 5 anni?

Me lo vedo arricchito da uno spazio fisico, una “Casa NoLo”, laica e gratuita, che consenta anche a chi non ha una connessione internet e un profilo Facebook di sapere che iniziative sociali ci sono, di incontrare i suoi vicini e collaborare. Un futuro che sembra tanto un ritorno al passato!

Nolo Social District ci mostra come la solidarietà di quartiere in grandi città come Milano non siano dei traguardi impossibili; in un clima di generale diffidenza, questa piccola realtà – insieme alle tante sue simili – diventa un faro da seguire per superare la paura del prossimo e del diverso, di cui molto spesso tutti noi siamo vittime. Le social street sono i luoghi in cui le tante individualità si sommano per creare qualcosa di superiore: un enorme gruppo di amici. Ed è questa la Milano che ci piace vedere!

Vi piacerebbe creare la vostra social street?

Ricordatevi che socialità, gratuità ed inclusione dovranno essere gli ideali dai quali partire! Per ulteriori informazioni, leggete le linee guida da seguire per prendere parte a questo network e per il resto…fate del vostro meglio per aiutare gli altri e la città!

Valentina Ottoboni
Milano, 27 novembre 2017
ULTIMI ARTICOLI DI MANOXMANO:
ISCRIVITI!

Vuoi stare al passo con tutte le news e le curiosità su Milano? Iscriviti alla newsletter per non perderne neanche una!

ALTRI ARTICOLI tutti_articoli
Leggi tutti gli articoli del blog di manoxmano!

EVENTI A MILANO tutti_eventi
Scopri tutti gli eventi a Milano selezionati da manoxmano!

APP MANOXMANO app_mxm
Vuoi vivere Milano come non l’hai mai vissuta? Scarica le app di manoxmano!

TUTTI I PERCORSI tutti_percorsi
Scopri tutti i percorsi a Milano suggeriti da manoxmano!

 

 

Lascia un commento